Presentazione del libro “Palazzo Treves Bonfili e il suo giardino”

Mercoledì 19 giugno 2019 ore 17.30 nel Giardino della Scuola spagnola, Calle del forno in ghetto vecchio, presenteremo il libro di Martina Massaro Palazzo Treves dei Bonfili e il suo giardino edito dal Poligrafo.

Saranno presenti, insieme all’autrice Martina Massaro, Donatella Calabi e Simon Levis Sullam

In caso di mal tempo l’evento verrà spostato all’interno del Museo ebraico in campo di ghetto novo.

Sino a poco più di un secolo fa Padova era una città straordinariamente ricca di aree verdi. Edifici pubblici e privati, conventi e palazzi dominicali di grandi e piccole dimensioni erano tutti dotati di magnifici giardini, mentre vaste aree erano ancora destinate alla coltivazione. Nel corso dell’Ottocento molte di queste residenze vengono riammodernate secondo le nuove esigenze abitative, e così i parchi e i giardini. Un mondo segreto e insospettabile, celato oltre i portoni di accesso dei palazzi che si affacciano sulle strette vie della città. Da qui nascono il palazzo e il giardino Treves dei Bonfili a Ponte Corvo, proprietà di una famiglia di ricchi mercanti e banchieri ebrei trapiantati da Venezia a Padova. Si può dunque scrivere di un palazzo che non esiste più? Sì, perché ne rimane il magnifico giardino a suggerirci la bellezza dell’edificio progettato da Giuseppe Jappelli e perché possiamo entrare nella storia dei suoi committenti. La ricorrenza del nome di questi munifici mecenati nelle cronache dell’epoca e la fitta rete di relazioni e connessioni che sistematicamente riconducono alla loro influenza in contesti diversi offrono un vivace spaccato di storia cittadina ottocentesca. L’apporto dello studio sui Treves, inedito sotto molteplici aspetti, sta nell’aver restituito una consistenza seppur “virtuale” a un patrimonio culturale andato ormai quasi completamente disperso e nell’aver portato alla luce una memoria “interrotta”. Le cause di tale perdita, strettamente legate alla storia dell’Ospedale civile, innescate dagli eventi legati dalla promulgazione delle “leggi razziali”, vanno però ricercate nel piano di rinnovamento della città condotto nel secondo dopoguerra dalla pubblica amministrazione. Soffermandosi non solo sulla storia del demolito palazzo – della sua architettura, delle sue decorazioni e del suo giardino –, viene così a delinearsi il ritratto di una grande e potente famiglia e della sua influenza durata per generazioni, in cui si riflettono anche i gusti e i fermenti culturali dell’epoca.