Home LE MOSTRE AL MUSEO
 

Volti e storie di una comunità. Ritratti oggetti memorie

Dal 15 gennaio al 5 marzo
13 ritratti parlanti per una mostra fotografica crossmediale
dedicata ai 500 anni del Ghetto di Venezia
di Paolo della Corte e Serena Guidobaldi
Foto: Paolo della Corte
Ricerca e testi: Serena Guidobaldi
Video e montaggio: Ampersand Video

Frantz e il Golem

12 - 30 gennaio 2017
Mostra delle tavole originali di Maurizio Quarello per l’albo illustrato di Irène Cohen-Ianca “Frantz e il golem” edito da Orecchio acerbo con cui la mostra è organizzata.
A conclusione della mostra, lunedì 30 gennaio alle 10.00 in Sala San Leonardo, l´autrice Irène Cohen-Janca incontrerà bambine e bambini studenti e studentesse della scuola primaria e secondaria di primo grado.

Passato prossimo. Il ghetto di Venezia 1986-2016

18 settembre - 8 gennaio alle 13.00
Mostra fotografica di Graziano Arici a cura di ThaumArt Ghallery.
Una selezione di fotografie di Graziano Arici che costituisce una memoria storica degli anni più recenti (1986-2016) della vita del Ghetto di Venezia, e vuole anche rappresentare un pensiero affettuoso a quanti rimangono nel ricordo.
Domenica 8 gennaio la mostra sarà visitabile entro le 13.00

LA NUOVA HAGGADAH DI VENEZIA

Dal 17 aprile al 31 luglio 2016

Inaugurazione: domenica 17 aprile, ore 17:00
La mostra esporrà la serie completa di acquetforti degli artisti invitati da Beit Venezia a rielaborare una nuova Haggadah di Pesach veneziana prendendo spunto da quella seicentesca conservata in Museo.
Gli artisti sono:
Jacqueline Nicholls
Josh Baum
Nathan Gotlib
Kyra Munk Matustik
Andi Arnovitz
Yael David Cohen
Sophie Herxheimer
Hillel Smith
Ingresso con biglietto del Museo Ebraico

Umberto Tibaldi - Il silenzio di un "anonimo in vita"

Inaugurata per la XVI Giornata Europea della Cultura Ebraica in mostra alcune opere del maestro Umberto Tibaldi e due video installazioni.
La mostra è visitabile negli stessi orari del museo da lunedì 8 settembre ed è ancora in corso

GRAND TOUR. VIAGGIO NELL´ITALIA EBRAICA

Aperta in Museo la mostra di Alberto Falco Jona dedicata alle sinagoghe italiane.
Una raccolta di immagini di Alberto Jona Falco che accompagna in viaggio il visitatore lungo la penisola, alla scoperta del patrimonio architettonico ebraico. Da nord a sud, da occidente ad oriente le sinagoghe Italiane attraverso lo sguardo appassionato e curioso di chi ha avuto il privilegio di poter sostare e contemplare quei meravigliosi luoghi.
Arricchisce il viaggio immaginario del visitatore non solo di una testimonianza storica e documentale dei più importanti siti ebraici del nostro paese, ma dell´espressione artistica più vitale dell´ebraismo italiano.Le immagini che regala al visitatore l´occhio fotografico di Alberto Jona Falco, mostrano sinagoghe, arredi, oggetti legati alle feste e alla vita familiare capaci
di far rivivere storie, tradizioni, vicende, di personaggi e gruppi di persone, che raccontano aspetti della storia del nostro paese da una prospettiva tanto più interessante quanto meno nota.
La mostra è aperta nelle ore del Museo e con il biglietto il medesimo biglietto d´ingresso.

Joel Itman Una collezione di ceramiche originali 2015-2016 5776-5777

21 giugno - 31 agosto 2015

Inaugurazione domenica 21 giugno ore 17,30 alla presenza dell´artista

SINAGOGA DI ZAGABRIA 1867 1942 2015

Domenica 18 gennaio alle 18.00
INAUGURAZIONE


interverranno
Paolo Gnignati presidente della Comunità ebraica di Venezia
Ognjen Kraus presidente della Comunità ebraica di Zagabria
Scialom Bahbout rabbino capo di Venezia
Luciano Mose Prelevic rabbino Capo di Croazia

19 gennaio - 3 marzo 2015

PURIM di Michal Meron

9 marzo - 27 aprile 2014

Domenica 9 marzo ore 11,30, inaugurazione con una presentazione a cura di Riccardo Calimani.

La mostra vuole focalizzare l´attenzione del pubblico su una festa ufficialmente considerata minore, perché non insegnata dalla Torah, ma che nei fatti è festa amatissima da grandi e piccini, durante la quale è d´obbligo leggere o ascoltare la lettura della meghilath Ester (Pergamena che racconta la storia della regina Ester), fare festa e gioire, donare cibo agli amici e ai poveri, con un ampio senso di gioia e condivisione.

Michal Meron ha interpretato la storia di Esther ambientandola nella città di Venezia, e, grazie alla sua capacità artistica e al suo atteggiamento solare e positivo, è riuscita a dare alla narrazione una sensazione di felicità e di gioia. Michal ci farà incontrare il perfido Haman arrabbiato perché la sua casa è stata inondata dal "acqua alta"; i corrieri reali che si spostano su biciclette trasportate su gondola, e Mordechai che, in abiti reali, in gondola monta stando sul dorso del cavallo del re. Ma tutto ciò accade con una tale naturalezza che pare che non ci sia nulla di strano nello svolgersi della storia persiana nei palazzi e canali della Serenissima.

SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell´Europa in guerra (1936-1948)

3-28 febbraio 2014

Dalla loro riscoperta ad Atene nel 1896, i Giochi Olimpici contemporanei appassionano e occupano uno spazio crescente nell’immaginario collettivo, nella società e nella vita politica.

Le Olimpiadi verranno strumentalizzate dal punto di vista ideologico per la diffusione della propaganda nazista in Europa. Come reazione, vengono lanciati diversi appelli a boicottare i Giochi in nome dei principi fondamentali delle democrazie e dello spirito olimpico. L’inefficacia delle campagne di opinione per il boicottaggio, la rinuncia dei comitati olimpici nazionali a prendere posizione, nonché l’inedita risonanza mediatica attorno a questa edizione dei Giochi sembrano rendere inevitabile lo svolgimento dell’Olimpiade a Berlino.

Quando la seconda guerra mondiale scatena in Europa il terrore nazista, lo sport diventa uno strumento di sottomissione e di crudeltà usato contro le vittime dell’universo concentrazionario.


La mostra, curata dal Mémorial de la Shoah di Parigi, e il seminario sono stati fortemente voluti dalla Comunità Ebraica di Venezia e Coopculture e sostenuti dal Mémorial de la Shoah di Parigi .

ATTRAVERSO LA MEMORIA

di Angelo Zennaro
dal 6 dicembre 2013 al 31 gennaio 2014

Il Museo Ebraico di Venezia in occasione delle attività commemorative per il Giorno della Memoria 2014 presenta al pubblico l’esposizione artistica “Attraverso la memoria” di Angelo Zennaro.
Arte e Shoah: un binomio già in altre occasioni proposto che offre ai visitatori un approccio al tema ricco di stimoli e una chiave di lettura storica e critica volta a riflessioni alternative.

La mostra intende valorizzare tutti gli aspetti che contribuiscono a varcare la soglia della speranza trovando nella luce, colore, forme, la sintesi di valori condivisi.

Vite Spinata

mostra di Debra Werblud
29 settembre - 30 novembre 2013

OUTSIDER IN A BOX personale di Dwora Fried

2 giugno 12 settembre 2013
Museo Ebraico di Venezia


Vernissage domenica 2 giugno ore 12
Nella stessa mattina alle 11.30 i musicisti protagonisti di “A Jewish Opera” si esibiranno dal vivo in diversi punti del museo

LA SHOAH IN EUROPA - Mostra didattica e divulgativa a cura del Mémorial de la Shoah di Parigi

in esposizione presso le sale del Museo Ebraico di Venezia dal 5 dicembre 2012 al 6 febbraio 2013

INAUGURAZIONE:
Mercoledì 5 dicembre 2012 al Museo Ebraico

alle ore 12.00
Dopo i saluti istituzionali sarà possibile visitare l´espo-sizione accompagnati da Luc Levy - Responsabile delle Relazioni Internazionali del Memorial de la Shoah e Laura Fontana, Corrispondente per l´Italia del Memoriale.

dalle ore 15.00 alle 18.30
SEMINARIO DI FORMAZIONE PER DOCENTI
Evento di formazione rivolto agli insegnanti e operatori di settore con visita alla mostra e a seguire conferenza.

Al termine del seminario verrà presentata l´offerta didattica gratuita rivolta alle scuole: LABORATORI DIDATTICI E VISITE ATTIVE ALLA MOSTRA

La storia dell’ADEI di Venezia dal 1928, anno della sua fondazione, ai giorni nostri

mostra documentaria
fino al 25 novembre 2012

UMORISMO EBRAICO IN FOTOGRAFIA, LITOGRAFIA E VIDEO

by
Alex Levac
David Silverman
Martin Holt
Shahar Marcus

a cura di
Ziva Kraus

fino al 25 novembre 2012

FRAGOLE A GENNAIO - Alejandra Okret

mostra fotografica
Museo Ebraico di Venezia
in collaborazione con IKONA VENEZIA
Comunità Ebraica di Venezia
Pierreci Codess Coopcultura

10 giugno - 26 agosto 2012
da domenica a venerdì 10-19
info: museoebraico@pierrecicodess.it

La storia dell’ADEI di Venezia dal 1928, anno della sua fondazione, ai giorni nostri

mostra documentaria
30 novembre 2011 - 8 gennaio 2012

RABBINI DI CRACOVIA

Dal 20 al 27 novembre 2011
In occasione del FESTIVAL DELLA CULTURA EBRAICA POLACCA
organizzato dall’Istituto Polacco di Roma, dalla Comunità Ebraica di Venezia e dall’Associazione per i 500 anni del Ghetto di Venezia, in collaborazione con il Centro Veneziano di Studi Ebraici Internazionali, la Biblioteca Archivio “Renato Maestro”, l’Associazione Amici del Conservatorio, il Museo Ebraico di Venezia.

inaugurazione domenica 20 novembre 2011 ore 16

Elevazioni e Permutazioni 3. Artisti e Qabbalah

In occasione della 12a giornata Europea della Cultura Ebraica, 4 settembre 2011: Ebr@ismo 2.0 Dal Talmud ad Internet, che quest’anno è dedicata alle nuove tecnologie, il Museo Ebraico di Venezia ospita una esposizione sulla mistica ebraica dal titolo Elevazioni e Permutazioni 3, aperta fino al 10 novembre, a cura di Maria Luisa Trevisan, con dipinti, sculture e video, realizzate da artisti italiani e stranieri che si ispirano alla qabbalah.

XX IL SECOLO DEI GENOCIDI

DAL 7 NOVEMBRE AL 31 GENNAIO 2011. In occaiosne della giornata della Memoria, il Museo Ebraico di Venezia, in collaborazione con il Mémorial della Shoah di Parigi, ospiterà la mostra "XX IL SECOLO DEI GENOCIDI" con testi tradotti da Laura Fontana.

L´ALBERO DI ANNE

DAL 12 DICEMBRE 2010 AL 31 GENNAIO 2011. IN OCCASIONE DELLA GIORNATA DELLA MEMORIA IL MUSEO EBRAICO OSPITERA´ LA MOSTRA DEI DISEGNI REALIZZATI DA MAURIZIO QUARELLO PER L´ALBO ILLUSTRATO "L´ALBERO DI ANNE".

GIORGIO CELIBERTI

Dal 6 settembre 2009 al 31 gennaio 2010 in onore degli ottant´anni del maestro, una personale al Museo Ebraico di Venezia.

Clicca qui

Anne Frank una storia attuale

Museo Ebraico di Venezia NOVEMBRE 2008

La mostra presenta la storia della Shoah attraverso un’angolazione biografica approfondendo il tema della tutela dei diritti umani nelle società attuali.

I gruppi scolastici possono completare la visita alla mostra con un’esperienza di laboratorio che consente un’ulteriore e personale riflessione sul tema presentato in mostra. Per saperne di più visita la pagina della didattica cliccando qui

per informazioni 041715359

MOSTRA CONCORSO “I NOSTRI DISEGNI RICORDANO…”

C´è tempo fino al 30 aprile per far pervenire alla sezione didattica del Museo Ebraico gli elaborati prodotti dagli allievi che hanno partecipato ai laboratori in occasione del Giorno della Memoria 2008. Tutti i lavori saranno raccolti ed esposti in una Mostra che verrà allestita presso l’area didattica nel mese di Maggio. Premiazione per gli elaborati ritenuti più significativi.

Venice Views on Ghetto

Atmosfera, fascino ed emozioni del più antico Ghetto del mondo nei dipinti di vari artisti presso il Museo Ebraico di Venezia, presso il Museo Ebraico di Venezia,Cannaregio 2902/b, dalla domenica al venerdì dalle 10.00 alle 18.00
visita il sito di Views on Ghetto

BINARIO 21 mostra itinerante

La Mostra è realizzata dall´Associazione Figli della Shoah.
Attraverso il suo percorso la mostra vuole proporre ai visitatori una sorta di "viaggio" seguendo un percorso emotivo ed "esperienziale".
Un viaggio virtuale attraverso documenti di varia natura (multimediali, video e cartacei), ma anche un viaggio attraverso il disagio, lo sbigottimento, l´impossibilità di accettare e di comprendere come tanti luoghi in Europa abbiano potuto trasformarsi in luoghi di persecuzione, di detenzione e di deportazione degli ebrei, fra il 1943 e il 1945.

Venezia, Cannaregio, Sala S. Leonardo, 10-26 gennaio 2007 dalle 9 alle 19, tutti i giorni tranne il sabato.

RICHARD LÖWY - Un ebreo a Moena Dalla Grande Guerra alla Shoà

Nel 1914 Richard Löwy, nominato comandante dl distaccamento del genio militare austroungarico a Moena, con il compito di dirigere le opere di fortificazioni delle dolomiti, conquista il cuore dei valligiani prodigandosi in mille modi per aiutarli a sopravvivere nonostante le privazioni imposte dalla guerra.

Al termine della Grande Guerra ritorna a Vienna, ma nel 1938, Löwy è costretto dalla pesante campagna antiebraica, a lasciare l’Austria per sempre e si rifugia a Moena dove gli abitanti, con affetto, si stringono intorno al loro antico benefattore.

La storia non ha un lieto fine: Löwy, dopo due anni sereni a Moena, passando attraverso il confino e la carcerazione, trova il suo epilogo ad Auschwitz.

La mostra - realizzata nel 2004 dall’Istitut Cultural Ladin ”Majon di Fasegn” e dal Grop Ladin da Moena è stata riproposta al pubblico veneziano dalla Comunità Ebraica di Venezia in collaborazione con Codess Cultura dal 15 aprile al 17 luglio 2005.

Ideazione ricerca e testi: Giorgio Jellici

LUIGI ROCCA A new experience Jerushalaim - New York Venezia

Dal 5 settembre al 28 febbraio 2005, Al museo ebraico di Venezia Luigi Rocca pittore iperrealista di fama internazionale ha presentato: Gerusalemme New York e Venezia. Sguardi sulle città, ma soprattutto sul mondo ebraico che vi si muove e abita.

La mostra è stata organizzata in occasione della giornata europea della cultura ebraica, in collaborazione con la galleria d´arte Melori & Rosenberg, e con il patrocinio del Comune di Venezia.
Visita qui il sito web.

Makom ghetto dependence

MOREH

Animali e uomini nelle incisioni e nei disegni di Mordecai Moreh. L´artista visionario realizza animali come gatti, ricci, porcospini e uccelli di cui egli ricerca l´archetipo;accostati a figure umane dai tratti fortemente espressivi. Opere frutto di una ricerca interiore con paesaggi allucinati e misteriosi.
Dal 30 maggio al 22 agosto 2004. Museo Ebraico di Venezia.

Ariela Bohm I segni della parola

L´artista romana ha presentato al Museo Ebraico di Venezia, una serie di opere in ceramica Raku,omaggio alla scrittura, ai segni che la compongono intesi come materia della cultura stessa.
25 gennaio - 25 aprile 2004
Visita qui il sito web.